giovedì 22 ottobre 2009

ABHOR - Vehementia (2005)



Tittle tracks:
1. Ignis Sulphuris
2. Evocative prayer to Lilith
3. Garden of the Philosophers
4. Monarch of Lie
5. Fabled Ceremony
6. Rivers of Incense
7. Principium Ater
8. Shamhain (Umbrae Ritualis)

Dati tecnici:
GENERE: True Black Metal
DURATA: 38:59
ANNO D'USCITA: ottobre 2005
ETICHETTA: The Oath

Formazione:
Ulfhedhnir: vocals
Domine Saevum Gravem: guitars Kvasir: bass
Ahrjin: drums

Official website:
http://www.legioneocculta.com

Recensione:
Gli Abhor sono una delle formazioni storiche del Black Metal italiano. Attivi già dagli anni '90, hanno pubblicato nel 2005 il loro nuovo album intitolato "Vehementia", che propone 7 tracks più intro strumentale di potente Black Metal vecchio stampo. Il lavoro si presenta bene già grazie al bellissimo digipack cd, dotato di un artwork davvero eccezionale. Foto esoteriche e testi all'interno, arricchiscono e intensificano il loro messaggio, che non vuol essere essere solo adorazione del Maligno, ma anche riflessione e ricerca di grande e intensa spiritualità . Musicalmente la band adopera suoni molto grezzi e rocciosi, registrati al meglio in modo da non offendere i cultori del sound "grezzo-ma-che-si-capisca...". In sottofondo, ci sono anche tocchi sulfurei di tastiere, che però non contraddicono quanto appena detto, ma che anzi, creano atmosfera al sound. I giri sono sempre molto semplici ma riescono più di ogni altra complessa soluzione a dare grande bellezza alle canzoni. La particolarità di questo album è infatti la sua grande orecchiabilità , riesce subito a piacere e ad essere "familiare" evitando di annoiare. Sicuramente tale lavoro di produzione è¨ il frutto della grande esperienza e dedizione della band, ma anche della loro attitudine pienamente consona al genere proposto.
L'intro "Ignis Sulphurus" è innnanzi tutto una piccola perla "esoteric-ambient" che apre in modo occulto le porte di quello che sarà l'inferno. Come vi dicevo infatti riff rocciosi di chitarra e la voce grave di Ulfhedhnir ci fanno capire fina da subito che c'è grande violenza sonora e impatto.  Lo screaming demoniaco scuarcia senza pietà, mentre un drumming serrato scandisce il tempo con grande cadenza dall'inizio alla fine. "Evocative Prayer to Lilith" è seguita da "Garden of the Philosophers" che è aperta da un breve intro di canti monasteriali stile "Officium". E' il pensiero di un adepto che ragiona sulla natura del creato, rendendosi conto che la via del Caos è quella più plausibile, di fronte ai misteri insormontabili della vita e del cosmo. L'arte, o meglio l'artificio, è la risposta ai perchè e all'alchimia degli elementi.   "Monarch of Lie", altra bella e oscura track, ci parla del monarca della menzogna e delle sue illusioni, mentre "Fabled Ceremony" colpisce da subito per l'estrema melodia dello screaming, dell'energia negativa che infonde ad ogni cambio e presenta la prima sostanziale parte rallentata del cd, che sfocia nel corpus centrale ricco ancora di potenza e giri molto d'impatto A cassa fissa il finale poi scivola via nella successiva "Rivers of Incense". Anche qui siamo di fronte ad una song d'impatto che diffcilmente potrete dimenticare, in cui screaming demoniaci offuscano una parte centrale  lenta e pensante.  "Principium Ater" ha delle parti vocali molto effettate, quasi a mostrare la bestiale ivocazione a Satanas, ripetuta più volte nel ritornello. Pezzo devastante.  Sulle note poi dell'ultima "Principum..." si conclude questa prova di forza della band padovana, che pur non essendo un album innovatore e rivoluzionario, testimonia il livello e lo stato di grazia del Black italiano in una fase in cui quello mondiale sta calando di intensità.
Gli Abhor ora forse salgono definitivamente sul trono italiano del Black Metal.

a cura di Arthur McPaul


1. Ignis Sulphuris
2. Evocative prayer to Lilith
3. Garden of the Philosophers
4. Monarch of Lie
5. Fabled Ceremony
6. Rivers of Incense
7. Principium Ater
8. Shamhain (Umbrae Ritualis)


Dati tecnici:

GENERE: True Black Metal
DURATA: 38:59
ANNO D'USCITA: ottobre 2005
ETICHETTA: The Oath


Formazione:

Ulfhedhnir: vocals
Domine Saevum Gravem: guitars Kvasir: bass

Ahrjin: drums


Official website:
http://www.legioneocculta.com

Nessun commento:

Posta un commento